Come proteggere i nostri bambini dalle zecche durante i trekking

Come proteggere i nostri bambini dalle zecche durante i trekking

L'aria fresca, il sole che filtra tra gli alberi, il canto degli uccelli: i trekking con i bambini sono un'esperienza fantastica per tutta la famiglia. Ma c'è un nemico invisibile che può rovinare la giornata: le zecche. Questi piccoli parassiti possono trasmettere malattie gravi, come la borreliosi e l'encefalite da zecche. Come possiamo proteggere i nostri figli?

Prevenzione:

    • Indossare abiti coprenti: pantaloni lunghi infilati nei calzini, maglie a maniche lunghe e cappelli. Scegliete colori chiari, che facilitano l'individuazione delle zecche.
    • Usare repellenti: esistono repellenti specifici per bambini, da applicare sulla pelle e sugli indumenti. Seguire attentamente le istruzioni riportate sull'etichetta.
    • Restare sui sentieri: le zecche si trovano soprattutto nell'erba alta e nei boschi. Evitare di camminare in zone a rischio.

Controllo:

    • Controllare i bambini al termine del trekking: ispezionare accuratamente tutto il corpo, prestando particolare attenzione a zone come inguine, ascelle, collo e dietro le orecchie.
    • Usare una pinzetta per rimuovere le zecche: afferrare la zecca il più vicino possibile alla pelle e tirarla delicatamente verso l'esterno, senza schiacciarla. Disinfettare la ferita con un prodotto adatto.

Cosa fare in caso di morso di zecca:

    • Se la zecca ha morso il bambino, è importante monitorare la sua salute nei giorni successivi. Prestare attenzione a sintomi come febbre, mal di testa, eruzioni cutanee o affaticamento.
    • Se si verificano questi sintomi, consultare un medico.

Consigli aggiuntivi:

    • Insegnare ai bambini a riconoscere le zecche e a come evitarle.
    • Tenere i cani in ordine e trattarli con un antiparassitario specifico per zecche.
    • Lavare gli indumenti e le scarpe indossate durante il trekking ad alta temperatura.

Con un po' di attenzione e precauzione, possiamo proteggere i nostri bambini dalle zecche e goderci in tutta sicurezza i trekking nella natura.

La mammainossola

P.S. Per informazioni più specifiche sulle zecche e sulle malattie che possono trasmettere, consultate il sito web dell'Istituto Superiore di Sanità.

 

 

 

SE QUESTO ARTICOLO DI E' STATO D'AIUTO ECCO COME PUOI RINGRAZIARMI

➡️ Seguimi si INSTAGRAM per rimanere aggiornata di tutte le gite.

➡️ Vieni in val d'Ossola con me 

➡️ Se sei un'azienda COLLABORIAMO

Torna al blog

Lascia un commento