Cammino di Oropa con un bimbo di un anno: un'avventura possibile e indimenticabile!

Cammino di Oropa con un bimbo di un anno: un'avventura possibile e indimenticabile!

Ciao mamme e papà! Oggi voglio raccontarvi un'esperienza che ha fatto scalpore nella community di Lamammainossola: il Cammino di Oropa, un percorso di 65 km in 4 giorni, affrontato con il mio piccolo esploratore di un anno e mezzo al seguito.

Sfida accettata!

In tanti mi avete scritto chiedendomi consigli e informazioni, incuriositi da questa avventura un po' fuori dal comune. Ebbene, eccovi accontentati! Innanzitutto, è importante sottolineare che il Cammino di Oropa offre diverse varianti e percorsi, adatti a tutti i livelli di preparazione. Nel nostro caso, abbiamo optato per il percorso della Serra, suddiviso in 4 tappe:

  • Giorno 1: Santhià - Roppolo (16,3 km)
  • Giorno 2: Roppolo - Sala Biellese (19 km)
  • Giorno 3: Sala Biellese - Graglia (17 km)
  • Giorno 4: Graglia - Oropa (15 km)

Come portare il bimbo? Zaino porta bimbo o passeggino?

Per quanto riguarda il nostro piccolo, lo abbiamo trasportato per la maggior parte del tempo nello zaino porta bimbo ergonomico, che si è rivelato una scelta comoda e sicura sia per lui che per me. Ovviamente, ci siamo alternati con il mio compagno per distribuire il peso in modo uniforme. In alcune zone pianeggianti e nei centri abitati, abbiamo utilizzato anche il passeggino da trekking, soprattutto per donare al piccolo un po' di libertà di movimento.

Dove dormire e mangiare?


Abbiamo scelto di alloggiare in accoglienti bed and breakfast lungo il tragitto, godendo di un'ospitalità calorosa e di un buon riposo ristoratore. Per quanto riguarda i pasti, ci siamo organizzati con pranzi al sacco e cene presso i ristoranti dei paesi attraversati. Non abbiamo avuto particolari problemi a trovare menù adatti alle esigenze del nostro bambino.

Consigli utili per un'avventura con il bimbo:

  • Scegliere il periodo giusto: noi abbiamo optato per la primavera, quando le temperature sono miti e il clima piacevole.
  • Pianificare il percorso in base alle capacità del bambino e alle proprie esigenze.
  • Dotarsi di uno zaino porta bimbo ergonomico e di un passeggino da trekking.
  • Portare con sé tutto il necessario per il bambino, compresi alimenti, pannolini e giochi.
  • Avere un buon ritmo di camminata, con frequenti soste per il riposo e il gioco del bambino.
  • Non sottovalutare l'importanza di godersi il panorama e l'esperienza insieme, come famiglia.

Un'avventura che ha arricchito la nostra famiglia

Il Cammino di Oropa con il nostro piccolo è stata un'esperienza indimenticabile, ricca di emozioni, sfide e soddisfazioni. Abbiamo imparato a conoscere i nostri limiti e a superarli insieme, rafforzando il nostro legame familiare e creando ricordi che dureranno per sempre. Se anche voi state sognando di vivere un'avventura simile con il vostro bambino, non vi scoraggiate: con la giusta pianificazione e il giusto spirito di avventura, tutto è possibile!

E voi, mamme e papà, avete mai affrontato un'impresa simile con i vostri piccoli? Raccontatemi le vostre esperienze nei commenti!

 

SE QUESTO ARTICOLO DI E' STATO D'AIUTO ECCO COME PUOI RINGRAZIARMI

➡️ Seguimi si INSTAGRAM per rimanere aggiornata di tutte le gite.

➡️ Vieni in val d'Ossola con me 

➡️ Se sei un'azienda COLLABORIAMO

 

 

Torna al blog