Da Cosa a Cosasca Apassodimamma

Da Cosa a Cosasca Apassodimamma

Ciao a tutti! Oggi voglio condividere con voi la mia avventura da cosa a Cosasca, un'esperienza indimenticabile che ho vissuto insieme al mio piccolo bimbo nello zainetto da montagna. Ecco come è andata.

Partimmo dalla base del sentiero, e devo ammettere che all'inizio la salita era abbastanza ripida. Ma non ci siamo lasciati scoraggiare, perché sapevamo che la fatica sarebbe stata ripagata dal magnifico panorama che ci attendeva in cima. Con il mio bimbo al sicuro e comodo nello zainetto, iniziammo la nostra avventura.

Man mano che salivamo, la vista si faceva sempre più spettacolare. I maestosi picchi delle montagne si stagliavano contro il cielo azzurro, mentre il verde intenso degli alberi e dei prati ci circondava. Non potevo fare a meno di fermarmi di tanto in tanto per ammirare la bellezza della natura che ci circondava.

Finalmente, dopo un'ora di cammino, arrivammo al piccolo borgo di baite. Era un luogo incantevole, con le sue casette di legno e i tetti in sasso . Decidemmo di fare una breve pausa con le cose preparate a casa . Ci scaldammo con una tisana calda che ci ristorò e ci preparò per la discesa.

Durante la pausa, ci godemmo anche una piccola merenda per recuperare le energie. Condividemmo qualche biscotto e frutta fresca, godendo della tranquillità e della serenità che solo la montagna sa offrire.

Dopo esserci riposati e rifocillati, era giunto il momento di scendere. Nonostante la discesa fosse più semplice rispetto alla salita, non mancava di offrire panorami altrettanto suggestivi. Lungo il sentiero, il sole filtrava tra gli alberi creando giochi di luce e ombra che rendevano tutto ancora più magico.

Abbiamo concluso la nostra avventura con un sorriso sulle labbra e nel cuore. L'esperienza di esplorare Cosasca con il mio bimbo nello zainetto è stata unica e indimenticabile. La natura ci ha regalato momenti di pace, serenità e meraviglia, che resteranno per sempre nei nostri ricordi.

Se state pensando di intraprendere un'avventura simile con i vostri piccoli, vi consiglio vivamente di farlo. La montagna offre un ambiente stimolante e sicuro per i bambini, e il contatto con la natura sarà un'esperienza preziosa per loro.

Ricordatevi di prepararvi adeguatamente, indossando abbigliamento adatto e portando con voi tutto il necessario. La sicurezza dei vostri piccoli viene sempre al primo posto.

Così, con il cuore pieno di gioia e gratitudine, concludo il racconto della nostra avventura da cosa a Cosasca. Spero che queste parole vi abbiano ispirato a scoprire nuovi luoghi e a vivere esperienze indimenticabili insieme ai vostri piccoli esploratori.

Alla prossima avventura!

Un saluto,
Lamammainossola

ATTIVITA' UTILI PER FAMIGLIE DURANTE PERCORSO

Consigli importanti ❤

  • Località di partenza: Parcheggio Chiesa di Cosasca 
  • Parcheggio: alla località di partenza (ampio – non a pagamento)
  • Indicazioni parcheggio  Google maps
  • Mezzi utilizzati: Zainetto porta bimbo
  • Tempo medio: 1,30 ora
  • Difficoltà: Difficile
  • Dislivello: 278 m
  • Tipologia di percorso: Strada di montagna, sentiero di montagna
  • Rete telefonica : Sempre presente internet si
  • Dove cambiare bambini : in macchina prima di partire 
  • Meteo : Clicca qui

Come arrivare
In treno: stazione di Domodossola, Ferrovie dello Stato. Orari: www.trenitalia.comwww.ffs.ch.

In autobus da Domodossola qui gli orari
In auto: autostrada A26 in direzione Gravellona Toce, da qui SS33 del Sempione, uscita Domodossola verso Cosasca 

Ed ora qui sotto la cosa piu’bella per te 👇

Scarica il percorso a passo di mamma

Quando lo hai usato cara mamma condividilo #apassodimamma #lamammainossola 🤰🥰

 

⚠️ Attenzione ⛔️ 

Non dimenticare mai di idratanti , di tenere conto del tuo stato di salute e quello del tuo bambino e di visionare il meteo prima di fare qualsiasi escursione . 

 

SE QUESTO ARTICOLO DI E' STATO D'AIUTO ECCO COME PUOI RINGRAZIARMI

➡️ Seguimi si INSTAGRAM per rimanere aggiornata di tutte le gite.

➡️ Vieni in val d'Ossola con me 

➡️ Se sei un'azienda COLLABORIAMO

 

 

Torna al blog